Uno dei classici della letteratura in tema di strategie dinamiche di asset allocation. Perold e Sharpe mettono a confronto quattro strategie dinamiche: strategia Buy-and-hold, strategia costant mix, assicurazione del portafoglio proporzionale costante (CPPI), e assicurazione di portafoglio basata su opzioni. All’interno del paper vengono indagati i profili di rendimento e rischio delle diverse strategie raffrontandole in ipotetici trend bull, bear e laterali dei mercati. Ma quale strategia è la migliore? Come affermano gli autori, l’obiettivo dell’articolo è di enfatizzare che la migliore strategia è quella che meglio si adegua alla tolleranza al rischio dell’investitore (misurata come funzione di un appropriato cuscinetto di capitale sotto il quale NON SI VUOLE SCENDERE).

Autori: ANDRE F.PEROLD AND WILLIAM F.SHARPE

Anno: 1995

Riferimento: Financial Analysts Journal

Link: https://web.stanford.edu/class/msande348/papers/PeroldSharpe.pdf

Articolo precedente

Eurostoxx 600: il capitano dei mercati europei

Articolo successivo

I fondi alternativi: come sono andati nel 2016?