Stiamo assistendo a un prepotente ritorno della pittura, dopo anni di arte concettuale e vari sperimentalismi. Non solo nelle aste internazionali i maestri della pittura moderna e contemporanea raggiungono quotazioni da record, ma anche per quanto concerne le esposizioni tornano le mostre di grandi pittori contemporanei perfino nelle sedi istituzionali nella nostra città, pensiamo alla stupenda recente esposizione di Giancarlo Vitali a Palazzo Reale, o a quella di Marzio Tamer in corso al Museo di Storia Naturale. Quest’anno poi si festeggiano i venti anni dell’Officina Milanese (Petrus, Pignatelli, Frangi e Velasco) che è l’ultimo importante movimento italiano legato alla figurazione, da cui poi sono germinate scuole ed epigoni di grandissimo livello. Segno che Milano, capitale dell’arte fin dalle prime avanguardie (il Futurismo) e poi al tempo delle seconde avanguardie (lo Spazialismo, l’arte cinetica), è rimasta un luogo di eccellenza e creatività dove si anticipano i trend futuri.

Se a livello internazionale la pittura non si è mai eclissata, in Italia i pittori, soprattutto i pittori della figurazione, hanno patito un pregiudizio ideologico che spesso li ha costretti ai margini, escludendoli dal mercato, dalle istituzioni più importanti, dalle fiere più chic. Un pregiudizio insensato poiché l’arte dovrebbe essere il territorio della libertà e non invece dell’ideologia. Ciò nonostante una schiatta di pittori e artisti di valore ha continuato e continua a dipingere, a scolpire, a ricercare, fuori dalle facili mode, lontano dagli isterismi e dalle provocazioni di tanta arte contemporanea, con un approccio che oserei definire etico, prima ancora che estetico.

Gianfranco Ferroni

GrandArt è una fiera dell’arte moderna e contemporanea che si rivolge dunque a quelle gallerie italiane e internazionali e a quegli artisti che, senza alcun nostalgismo, hanno focalizzato la propria ricerca nel vasto perimetro delle arti ancora legate alla tradizione, alla bellezza, alla tecnica. Bellezza intesa non come ripetizione di canoni sorpassati all’insegna del pittorialismo, bensì come forma, armonia, compostezza, decoro, gusto. Tecnica non come inutile virtuosismo bensì come “recta ratio factibilium”, cioè “retta determinazione delle cose da fare”, quella capacità frutto del talento e dell’esercizio che consente all’artista di produrre, nella massima libertà progettuale, opere proprio come le aveva pensate.

Credo che ci sia un segmento di mercato da presidiare, che necessitava di una fiera come GrandArt, soprattutto in una città a vocazione internazionale come Milano; un segmento di mercato sempre più ampio nel quale si muovono collezionisti che ancora credono nell’arte, non considerandola solo mero campo della speculazione economica, e dove operano gallerie lungimiranti che attraggono appassionati e amanti delle cose sensate.

______

GRANDART
Modern & Contemporary Fine Art Fair
Dal 10 al 12 novembre 2017
The Mall, Porta Nuova, Milano
______
GRANDART, promossa da Ente Fiera Promoberg e da Media Consulter, in collaborazione con ANGAMC (l’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea), s’inserisce nel panorama fieristico milanese come una vera novità.
GRANDART è una nuova fiera dell’arte moderna e contemporanea dedicata a tutte quelle gallerie e artisti che si muovono in quel perimetro della pittura, della scultura e delle arti applicate che mantiene uno stretto legame con le tecniche, con la poetica dei materiali, e con la grande storia dell’arte.
GRANDART accoglierà un nucleo di gallerie italiane e internazionali, selezionate da un comitato scientifico, composto da Bianca Cerrina Feroni, giornalista e critico, Martina Mazzotta, curatrice, Angelo Crespi, giornalista e critico, Lorenza Salamon, gallerista, Federico Rui, gallerista, Stefano Zuffi, storico dell’arte, scelte basandosi su criteri in cui i valori del “saper fare” e la tensione verso soluzioni chiamino in causa la categoria di bellezza, da rintracciare nel presente.
A una serie di protagonisti del panorama classico-moderno, tra i quali spiccano vere e proprie riscoperte, si accompagnerà un panel di nomi dell’arte contemporanea e di giovani emergenti.
Tra le iniziative proposte da GRANDART, l’omaggio a Gianfranco Ferroni che presenta 15 opere di uno dei protagonisti della figurazione italiana del secondo Novecento ed esponente di spicco del Realismo esistenziale.

 

Articolo precedente

L'arte contemporanea è in crescita. Così dice il rapporto ArtPrice 2017

Articolo successivo

Quanto costano i fondi in Italia