Il pesante storno degli ultimi giorni ha riacceso le luci (se ce ne fosse bisogno) sul BITCOIN, sicuramente il fenomeno più dibattuto del 2017. Tuttavia, il mondo delle criptovalute si sta velocemente diversificando, e il peso che assumono i “parenti” del BITCOIN diventa sempre più importante. Il grafico che vi proponiamo dimostra come la capitalizzazione[1], in percentuale, del BITCOIN sul totale delle criptovalute sia scesa nel 2017 da una cifra sopra l’80% al 40%: e ciò nonostante la forte crescita di prezzo registrata. Per capire tale fenomeno, proviamo a fare un raffronto con quella che è probabilmente la seconda criptovaluta più nota, ossia l’ETHEREUM.

Prendiamo ad esempio in esame il periodo 10/03/2017-13/06/2017.

Il 10/03/2017 si aveva:

  • Prezzo Bitcoin 1.195,44 USD (19.373.882.819 USD di market cap)
  • Prezzo Ethereum: 17,78 USD (29.604.600 USD di market cap)
  • % della market cap complessiva: Bitcoin 84,24%, Ethereum 6,95%

Il 13/06/2017:

  • Prezzo Bitcoin 2.673,35 USD (43.810.624.545 USD di market cap)
  • Prezzo Ethereum 410,68 USD (3.069.980.000 USD di market cap)
  • % della market cap complessiva: Bitcoin 39,88%, Ethereum 33,20%

E’ facile osservare come le variazioni percentuali del periodo siano le seguenti: Prezzo Bitcoin:+123,6% Market cap: +126,1%. Prezzo Ethereum: +2.209,8% Market cap: +1.0269,9%. Quindi, nonostante il tanto pubblicizzato incremento di prezzo del BITCOIN, l’ETHEREUM ha performato molto di più, incrementando significativamente la sua capitalizzazione.

Andando ad analizzare l’altra variabile della capitalizzazione, ovvero la quantità circolante della valuta in questione, si può comprendere come essa, aumentando in modo costante in entrambe le criptovalute, non influenzi la capitalizzazione totale. A supporto di questa teoria andiamo ad analizzare l’andamento della quantità totale di BITCOIN ED ETHEREUM circolante nel corso del 2017. Al 01/01/2017 la quantità circolante di Bitcoin era di 16.077.350 Milioni, mentre quella di Ethereum era 87.493.855,34 Milioni. Al 31/12/2017 erano presenti 16.774.500 Milioni di Bitcoin e 96.630.853,06 Milioni di Ethereum. Dati perfettamente coincidenti poichè la quantità immessa giornalmente di Bitcoin ed Ethereum rimane costante (1.910 Bitcoin e 25032,87 Ethereum) durante tutto l’anno.

Se consideriamo la capitalizzazione complessiva delle criptovalute, invece, si hanno i seguenti dati: al 01/01/2017 l’ammontare era di 17.735.500.000 USD, al 31/12/2017 invece 613.681.000.000 USD. La massima capitalizzazione è stata raggiunta il 21/12/2017 (620.385.000.000 USD). Escludendo invece il BITCOIN, la situazione è la seguente: 01/01/2017 = 2.244.300.000 USD; 31/12/2017 = 376.215.000.000 USD; massimo raggiunto: 31/12/2017 = 376.215.000.000 USD

Interessante, infine, il dato di capitalizzazione delle “altre criptovalute” meno conosciute: circa il 20%. Quante sopravviveranno?

[1] Nel grafico, la market capitalization è calcolata come prezzo di ciascun exchange, ponderato per il volume di scambi giornalieri su ciascun exchange, moltiplicato per la quantità circolante della valuta in questione.

Articolo precedente

Money. The unauthorised biography. Felix Martin, Vintage Books, 2014

Articolo successivo

E alla fine arrivò