E’ un appuntamento ormai fisso: ogni anno, sotto Natale o giù di lì, viene riproposto il film Una poltrona per due (vedi programmazione di Italia 1).

Fonte: https://www.dailybest.it/cinema/10-ragioni-per-rivedere-una-poltrona-per-due/

La trama la sapete tutti: due miliardari fanno una scommessa (di 1 $) che stravolgerà la vita del senzatetto Billy Ray Valentine (Eddie Murphy) ai danni di quella del ricco e rampante Louis Winthorpe III (Dan Aykroyd). Uno vivrà la vita dell’altro. Un sogno e nello stesso tempo un incubo, con immancabile happy ending finale. Quello che forse non è però chiaro a tutti è come i due riescano in una singola seduta di borsa a diventare, loro, miliardari …. e a mettere al contempo in ginocchio i due magnati Randolph e Mortimer Duke (che ricompariranno clochards nel film Il Principe cerca moglie). Il tutto ruota intorno alla contrattazione di una commodity (il succo di arancia), alle meccaniche del contratto futures su tale commodity, e ad un caso di insider trading.

https://www.dailybest.it/wp-content/uploads/2015/12/una-p.jpg

Pensa alla grande, sii ottimista, non dare mai segni di debolezza, mira dritto alla gola. Compra a poco e vendi a molto. La paura è un problema che non ti riguarda.” Dal film Una poltrona per due

Ma quello che all’epoca poteva apparire solo un film (era il 1983 ed in Italia la Borsa era poco più di un mercato rionale) oggi è realtà per qualsiasi investitore; investire in commodities è come bere un bicchier d’acqua (o di succo di arancia se si preferisce).  Attraverso fondi, ETF ed ETC, certificates e CDF, le commodities sono entrate a far parte del lessico finanziario dell’italiano medio; ed ecco allora l’avvocato che specula sul WTI oil leva tre a Maggio perché “… in estate alzano sempre il prezzo della benzina”; l’ingegnere che va short sul Natural Gas perché l’inverno non sarà freddo; e la casalinga di Voghera che inizia a pensare di fare soldi col Pork Belly.

Ma cosa ne sappiamo in realtà delle commodities? Quali sono e dove vengono scambiate? E soprattutto … cosa ne influenza il prezzo? Queste sono le domande a cui vuole rispondere il nostro osservatorio.


Articolo precedente

Cina: Presentazione dell'Osservatorio

Articolo successivo

Disintermediazione bancaria: Presentazione dell'Osservatorio